L’inglese è la lingua più diffusa al mondo

Da un mero punto di vista numerico, può essere curioso sapere che l’inglese è la seconda lingua più parlata al mondo. Al primo posto, infatti, troviamo il cinese mandarino.

Oltre due miliardi di persone parlano inglese e questo non vale solo in termini assoluti. Un parametro indispensabile per capire quanto importante possa essere una lingua è la “diffusione”.

La diffusione di una lingua è certamente connessa al numero di coloro che la parlano, ma ha un significato diverso, maggiormente correlato alla sua capacità di distribuirsi in zone geografiche diverse e sparse per il mondo.

Dando uno sguardo ai paesi in cui l’inglese è la lingua ufficiale, non si fa fatica a comprendere come la sua penetrazione e diffusione geografica possa essere pressoché totale.

Oltre a quanto già detto, Internet ed i Social hanno contribuito ad una ulteriore affermazione dell’inglese come passe-partout nella comunicazione.

L’inglese è una competenza senza tempo

L’importanza della conoscenza dell’inglese non dipende dalla moda del momento.

È proprio il caso di dire che si tratti di un investimento i cui risultati saranno disponibili per il resto della vita. Gli ambiti culturali in cui si può oggi trovare questa caratteristica di longevità sono minori rispetto al passato. La velocità con cui tutto si aggiorna e si trasforma è, infatti, impressionante.

Lo studio dell’inglese permette una stratificazione dell’apprendimento diluito nel tempo, senza farsi carico di investimenti con un ritorno limitato nel tempo.

L’inglese è la lingua ufficiale in molte importanti aziende

Non si è abituati a pensare che un’azienda possa avere una lingua ufficiale, ma lo si deve necessariamente fare se si ha a che fare con una multinazionale.

La globalizzazione ha imposto una gestione aziendale che “non dorme mai” ed allo stesso tempo che comunichi senza sosta ed in modo trasversale. Che tu sia un manager od un neo assunto non importa, quello che conta è che ad ogni livello e tra ogni livello aziendale ci sia la possibilità di comunicare in modo certo.

L’adozione di una lingua trasversale è utile anche per l’internazionalizzazione dell’immagine del brand e per la conseguente sua diffusione. Sono sempre più le campagne di marketing che utilizzano l’inglese come unica lingua per la diffusione del messaggio commerciale.

La tenuta psicologica dei lavoratori non subisce contraccolpi in caso di cambi di ufficio anche in casi di eventi particolarmente positivi quali promozioni.

Un prestigioso studio apparso in una edizione del 2012 della Harvard Business Review ha messo in evidenza in modo preciso e dettagliato quanto esposto.

L’inglese è la lingua del Web e dell’Intrattenimento

Che tu sia un appassionato di cinema, serie televisive, musica o libri, l’inglese ti permette di non perdere neanche una delle tantissime novità che si affacciano quotidianamente nel mondo dell’intrattenimento.

Immaginate di ascoltare una canzone dei Beatles e di poterne comprendere il testo… alla magia aggiungete poesia.

Anche attività di puro divertimento quali i videogiochi presentano come standard una metodologia di gioco online con avversari o compagni di avventura provenienti da qualsiasi parte del mondo. Quale migliore lingua dell’inglese per divertirsi insieme con nuovi amici di qualsiasi nazionalità ed in qualsiasi momento del giorno.

Il concetto di 24 ore al giorno imposto dal web impone la necessità di comunicazione a 360 gradi sia scritta che parlata.

L’inglese ti permette di viaggiare ovunque

Abitando in Italia, si hanno moltissime ragioni per rimane turisti locali. Chi ama viaggiare, tuttavia, finirà per sentire il bisogno di confrontarsi anche con culture di paesi diversi in cui l’italiano non è parlato.

Valicare il confine nazionale implica il bisogno di comunicare in una lingua diversa dalla propria. L’inglese rappresenta una garanzia in tal senso.

Non si deve pensare che si debba studiare anni prima di essere in grado di “farsi intendere” e poter quindi avere accesso a quei dialoghi che sono uno standard per il turista.

Da un punto di vista statistico, le domande che più comunemente si fanno all’estero gravitano attorno un insieme tipico e consolidato che accomuna tutti i turisti.

Anche chi parte da zero, in pochi mesi di studio sarà in grado di prenotare un albergo o chiedere l’ora del prossimo treno per la destinazione desiderata.

L’inglese come strumento per rimanere aggiornati

Cosa è successo oggi nel mondo? Le testate giornalistiche internazionali più importanti offrono i propri servizi in lingua inglese. Non si deve pensare ai quotidiani online come delle semplici copie di quelli cartacei.

Via web, infatti, vengono offerti contenuti tecnicamente improponibili sulla carta stampata: video, podcast e dirette online.

I giornalisti e gli autori che scrivono nel web possono lasciare le loro parole a disposizione della comunità per un periodo pressoché illimitato.

Internet “non riposa mai”, è dovunque accada qualcosa di importante e ci sia qualcuno pronto a testimoniarlo. Gli autori sono consapevoli di avere una platea di ascolto globale e, sempre più spesso, usano l’inglese per raggiungere il maggior numero di persone possibile.

L’inglese come lingua per studiare all’estero

Le certificazioni internazionali rappresentano un requisito di ammissione in molte università straniere.

Il numero di facoltà che offrono percorsi di studio in inglese cresce di anno in anno, e non stiamo parlando delle sole facoltà di paesi madrelingua inglese. Anche in Italia, gli atenei più prestigiosi offrono interi percorsi di laurea la cui lingua ufficiale è l’inglese, come per esempio la facoltà LUISS o Bocconi.

Una delle certificazioni più richieste in tal senso è relativa al livello B2. Il FIRST certificate di Cambridge riconosce internazionalmente tale competenza.

L’inglese ha una veloce curva di apprendimento

Studiare una nuova lingua non è mai facile, tuttavia lo studio dell’inglese permette una rapida acquisizione di un livello base di autonomia. La sua struttura grammaticale è molto funzionale e le regole di base non sono molte. Non si può certo pensare di diventare degli interpreti in un anno, ma impegnandosi, già in sei mesi di studio si ottengono strabilianti risultati.

Il web e l’informatica sono degli ottimi compagni di studio

A differenza del passato si è continuamente circondati da messaggi in lingua: YouTube, il web, le App ed i Social in genere sono i principali attori di questo acceleratore.

Se è vero che da un certo punto di vista siamo attori passivi di questo processo, dall’altro possiamo usare le sollecitazioni a nostro vantaggio, basta essere curiosi.

È sufficiente possedere uno smartphone per avere accesso a moltissime applicazioni gratuite e stimolanti per studiare, divertendosi, in qualsiasi luogo ci si trovi.

Google offre un funzionale ed utile traduttore che permette a chiunque di capire il senso di qualsiasi testo scritto in inglese, basta un copia-incolla. Certo la traduzione non sempre è perfetta, ma il servizio, gratuito, è in costante miglioramento.

YouTube fornisce accesso a canali dedicati, in cui molti bravi docenti propongono spiegazioni per qualsiasi argomento grammaticale sia di tuo interesse. È bene ricordare che, usando Internet, il problema non è rappresentato dal trovare qualcosa circa il nostro interesse, ma il sapersi destreggiare tra i molteplici risultati delle ricerche!

Sempre su YouTube, oltre alle lezioni ed agli approfondimenti, sono disponibili video musicali, film, talk show, documentari e molti altri video di qualsiasi genere e per i quali sono quasi sempre disponibili i sottotitoli.

Migliori opportunità di lavoro

Che il mondo del lavoro sia cambiato in modo radicale negli ultimi anni è innegabile. L’acceleratore di questa mutazione è stato senza dubbio Internet. La vendita online sia di beni che di servizi non solo ha rivoluzionato il modo di acquistare degli utenti, ma ha anche spostato la forza lavoro da un settore tradizionale ad uno nuovo e con nuove regole. Se conoscere l’inglese è importante nel mondo “fisico”, la sua conoscenza diventa indispensabile nel “mondo virtuale”.

Internet ed Inglese, un binomio indissolubile. Se si hanno delle competenze e si decide di entrare nel mondo del lavoro o di riposizionarsi, si hanno molte più probabilità di essere ascoltati se lo si comunica anche in inglese.

Scegli uno dei nostri corsi di inglese

Segui Mummu Blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Corsi recenti

I nostri corsi

Mummu Blog

Tag Cloud